Accedi
Accedi all'area riservata
Aggiornamento da monitoraggio
Cos'È
E' un rapporto informativo riportante l'elenco degli immobili e degli eventuali gravami sugli stessi, in capo ad un determinato soggetto (persona fisica o giuridica), nell'ambito del territorio facente capo ad un Ufficio del Servizio di Pubblicità Immobiliare dell'Agenzia delle Entrate elaborato sulla base di un precedente rapporto a nome dello stesso soggetto a seguito di una nuova ispezione ipotecaria conseguente ad una segnalazione di evento da monitoraggio.

Obiettivi
  • Verificare l'attuale consistenza immobiliare a nome di un determinato soggetto a seguito di eventuali variazioni intervenute rispetto ad una situazione precedentemente accertata.
  • Individuare i beni immobili facenti capo ad un determinato soggetto sui quali intraprendere un'azione esecutiva finalizzata al recupero del credito.
  • Verificare la presenza di eventuali gravami (pignoramenti, iscrizioni ipotecarie, sequestri etc).
  • Accertare la presenza di atti posti in essere in pregiudizio delle ragioni del creditore al fine di valutare l'opportunità di intraprendere un'azione giudiziale di revoca sugli stessi.

Cosa offre
  • Analisi del patrimonio immobiliare di un determinato soggetto.
  • Sintesi degli effetti derivanti dagli atti immobiliari posti in essere dal soggetto “visurato”.
  • Indicazione dei gravami (specie, soggetti a favore, eventuale ammontare del credito etc.).
  • Segnalazione e dettaglio delle formalità riferite ad atti revocabili.

Iter
L'aggiornamento nominativo da monitoraggio viene effettuato in seguito ad una segnalazione di evento da monitoraggio e consiste in una ispezione ipotecaria sulla banca dati informatizzata del Servizio di Pubblicità Immobiliare dell'Agenzia delle Entrate, a partire dalla data di aggiornamento della precedente consistenza.
Alla rilevazione di tutte le formalità pubblicate a nome del soggetto “visurato” segue un'analisi finalizzata a determinarne il patrimonio immobiliare mediante un confronto tra gli atti di acquisto, quelli di alienazione, gli eventuali gravami risultanti dall'ispezione ipotecaria, e la situazione precedentemente accertata.
Per raggiungere tale risultato è indispensabile effettuare un'indagine catastale sul nominativo in questione.
Talvolta è necessario avvalersi delle informazioni rilevate da documenti depositati presso gli archivi del Catasto, quali:
  • visura catastale storica per immobile;
  • mappa catastale;
  • elaborato planimetrico;
  • planimetria catastale.
Alla consistenza immobiliare sono sempre allegate le formalità complete, pubblicate negli ultimi cinque anni, relative ad atti posti in essere in pregiudizio delle ragioni del creditore.